Rumore e inquinamento acustico: gli effetti sul cuore

E’ noto da tempo, e ampiamente documentato in letteratura, come l’esposizione a rumore possa determinare conseguenze negative di vario genere, sull’udito e non solo.

Esposizione a rumore e saluteNel caso di esposizione a livelli importanti (esposizione lavorativa) il danno possibile è riconducibile in particolare alla degenerazione dell’organo del Corti causata dalla prolungata e intensa stimolazione sonora, con la degenerazione delle cellule che lo compongono. Quando la quantità di cellule che degenerano supera una certa quota, si incomincia ad avvertire la diminuzione della funzionalità uditiva. Il danno all’orecchio da rumore (ipoacusia) è irreversibile, per questo motivo essenziale è la prevenzione.

L’esposizione a rumore, anche a livelli meno importanti e specie se prolungata, può tuttavia avere anche numerosi altri effetti, ampiamente documentati in letteratura, in particolare su apparato cardiocircolatorio, sull’apparato digerente, sull’apparato endocrino, sull’apparato neuropsichico.

Lo studio

L’Università di Cracovia (Polonia) ha portato avanti uno studio con lo scopo di indagare gli effetti che l’inquinamento acustico può avere sulla salute. La ricerca si è concentrata in particolare sull’impatto che il rumore aereo può avere sui livelli di pressione sanguigna degli abitanti nei pressi di aeroporti, sulla prevalenza di ipertensione arteriosa e danni d’organo asintomatici come rigidità delle arterie, ipertrofia ventricolare sinistra e funzione diastolica. Lo studio è stato condotto su 101 residenti nei pressi di aeroporti esposti ad oltre 60 dB di rumore. Mentre il gruppo di controllo di 100 persone è stato reclutato in aree a basso livello di rumore o comunque inferiore al limite di 55 dB.

Le conclusioni

L’analisi dei risultati ha rivelato che la pressione sanguigna era più alta nei soggetti esposti a rumore rispetto al gruppo di controllo con una prevalenza del 40% contro il 24%. Inoltre, gli indicatori di danno d’organo asintomatici risultavano significativamente alterati tra un gruppo e l’altro, permettendo di definire come l’esposizione a lungo termine al rumore del traffico aereo sia associata a valori pressori elevati e prevalenza di ipertensione arteriosa insieme ad una incidenza maggiore di danni all’organo cardiaco.

Il danno al cuore avverrebbe, come indicato dal direttore Cardiologia Policlinico Tor Vergata di Roma Franco Romeo, in modo indiretto, ossia attraverso un innalzamento dei livelli di alcuni ormoni quali cortisolo, adrenalina e noradrenalina, i quali a loro volta hanno influenza su sistema endocrino, immunitario e nervoso.

[Fonte: Repubblica.it]



Ti serve una valutazione di impatto o di clima acustico?

Una consulenza specialistica a livello di requisiti acustici degli edifici?

Devi effettuare misure di rumore (pressione e potenza sonora)  su macchine e apparecchiature?
 


Pagine a cura di:

Le nostre attività

Principali aree di intervento:


Cerchi un corso?

Richiedi informazioni senza impegno


Vedi anche...

Air-view.it - riprese aeree con droni

Riprese aeree, ispezioni e monitoraggio
con l'uso di SAPR (Sistemi aeromobili a pilotaggio remoto)

www.air-view.it - info@air-view.it

Tutte le notizie