Come si legge sul portale web appositamente predisposto, il DM 15 giugno 2016, pubblicato lo scorso 17 ottobre, ha definito le disposizioni attuative della L 221/2015 in merito al credito d’imposta per interventi di bonifica dall’amianto su beni e strutture produttive, effettuati nel 2016.

Amianto – Approvate le regole per il credito di imposta

Soggetti ammessi

amiantoPossono accedere ai contributi concessi ai sensi della Legge n. 221/ 2015 i soggetti titolari di reddito d’impresa, ai sensi dell’articolo 2195 del codice civile che, indipendentemente dalle dimensioni aziendali, dalla natura giuridica, dalla dimensione e dal regime contabile adottato, effettuano interventi di bonifica (ovvero rimozione e smaltimento) dall’amianto, su beni e strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato, nel periodo compreso tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 2016.

Sono esclusi dall’ambito soggettivo di cui al presente procedimento:

  • le persone fisiche e le società esercenti attività agricola, di cui all’articolo 32 del D.P.R. n.9 17/1986 e s.m. e i. (Testo Unico delle Imposte sui Redditi – TUIR) e al Reg. (UE) n. 1408/2013 della Commissione;
  • le persone fisiche e le società esercenti attività di cui al settore della pesca e dell’acquacoltura di cui al Reg. (UE) n. 717/2014 della Commissione;
  • le persone fisiche e le società esercenti attività relative alla fornitura di Servizi di Interesse Economico Generale (SIEG) di cui al Reg. (UE) n. 360/2012 della Commissione;
  • gli enti non commerciali se non titolari di reddito d’impresa;
  • le persone fisiche, con riferimento all’attività produttiva di reddito di lavoro autonomo, ai sensi dell’art.53 del TUIR;
  • le associazioni senza personalità giuridica costituite fra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e professioni, nonché le società tra avvocati.

Requisiti richiesti

  • interventi relativi a beni e strutture produttive ubicati nel territorio nazionale, realizzati nel rispetto della normativa ambientale e di sicurezza dei luoghi di lavoro;
  • interventi aventi come oggetto la rimozione e smaltimento di amianto e non l’incapsulamento o confinamento;
  • interventi di importo unitario minimo pari a 20mila euro per singola impresa unica;
  • interventi conclusi al momento della presentazione della domanda e per i quali siano state emesse le corrispondenti fatture, nel periodo compreso tra il 1° gennaio ed il 31 dicembre 2016;
  • interventi inseriti in apposito Piano di Lavoro, redatto ai sensi dell’art. 256 del D. Lgs. 81/2008 e s. m. e i., relativo ad intervento di bonifica unitariamente considerato per l’unità produttiva di riferimento;
  • interventi per i quali sia stata effettuata comunicazione di avvenuta ultimazione dei lavori/attività di cui al Piano di Lavoro alla ASL competente e che questa li abbia approvati secondo le modalità previste.

Entità del credito

Il credito d’imposta verrà riconosciuto nella misura del 50% delle spese sostenute, previa verifica dell’ammissibilità dei requisiti a cura del Ministero dell’Ambiente, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande e fino ad esaurimento dell’ammontare delle risorse disponibili. La data ultima di scadenza per la
presentazione delle domande è il 31 marzo 2017.

Spese ammesse

Gli interventi ammissibili a contributo riguardano i costi diretti sostenuti dalle imprese per la bonifica dell’amianto presente in coperture e manufatti, come specificato all’art. 2, comma 3, del Decreto Ministeriale. Sono ammesse, inoltre, le spese di consulenze professionali e perizie tecniche entro i limiti previsti all’art. 2, comma 2, del medesimo Decreto.

Per presentare la domanda occorre registrarsi ed acquisire le credenziali per poter accedere all’area riservata.



Devi  presentare una domanda di autorizzazione? Una domanda di AUA?

Devi  effettuare campionamenti alle emissioni in atmosfera o presentare il MUD?

Ti serve una consulenza sul REACH, sulle sostanze pericolose, vuoi certificare la tuo organizzazione secondo la norma ISO 14001?
 


Pagine a cura di:

Le nostre attività

Principali aree di intervento:


Cerchi un corso?

Richiedi informazioni senza impegno


Vedi anche...

Air-view.it - riprese aeree con droni

Riprese aeree, ispezioni e monitoraggio
con l'uso di SAPR (Sistemi aeromobili a pilotaggio remoto)

www.air-view.it - info@air-view.it

Tutte le notizie