Emissioni in atmosfera: periodicità

Si ricorda infine che per coloro che sono in possesso di autorizzazioni alle emissioni in atmosfera sono previsti alcuni adempimenti specifici che possono variare in base al tipo di autorizzazione (ordinaria o in deroga), ai quantitativi di materia prima e ausiliaria consumati, e alla tipologia di attività autorizzata.

Seguono i principali, da verificare caso per caso.

Campionamenti di controllo

emissioni atmosfera autorizzazione

Per le attività soggette ad autorizzazione ordinaria alle emissioni in atmosfera sono previsti campionamenti ai camini di emissione con cadenza annuale (se non diversamente indicato nella domanda autorizzativa). Per le emissioni autorizzate in deroga invece, tali campionamenti, qualora previsti, hanno periodicità biennale.

Bilancio di massa

Per le attività che utilizzano composti organici volatili (COV) o prodotti contenenti COV, è inoltre previsto l’invio del bilancio di massa relativo all’utilizzo di tali sostanze al dipartimento ARPA competente entro il 31 marzo di ogni anno.

Registri

Le attività in possesso di un impianto di aspirazione degli inquinanti con emissione in atmosfera site in Lombardia devono annotare con frequenza almeno mensile tutte le operazioni di manutenzione eseguite sull’impianto in un apposito registro con pagine numerate progressivamente, nel quale riportare:

  • la data di effettuazione dell’intervento;
  • il tipo di intervento (ordinario, straordinario, ecc.);
  • la descrizione sintetica dell’intervento;
  • l’indicazione dell’autore dell’intervento.

Le attività site in Emilia Romagna devono invece annotare con frequenza almeno mensile i giorni di funzionamento degli impianti, i consumi di materie prime e ausiliarie utilizzate, nonché la frequenza di sostituzione e manutenzione di eventuali sistemi di abbattimento, su apposito registro dei consumi con pagine numerate progressivamente.

Se previsti, dovranno inoltre essere riportate tutte le informazioni relative ai campionamenti effettuati sulle emissioni in atmosfera su apposito registro degli autocontrolli dotato di pagine con numerazione progressiva bollate dall’ARPA competente, ove riportare:

  • la data e l’ora di effettuazione delle misure;
  • i risultati delle misure effettuate;
  • il carico produttivo gravante nel corso dei prelievi.

In entrambi i casi i registri devono essere tenuti a disposizione delle autorità preposte al controllo.

 

Vedi anche:

 

[a cura di: Dott. Matteo Vasapollo – Dott. Matteo Melli – www.syrios.it]



Devi  presentare una domanda di autorizzazione? Una domanda di AUA?

Devi  effettuare campionamenti alle emissioni in atmosfera o presentare il MUD?

Ti serve una consulenza sul REACH, sulle sostanze pericolose, vuoi certificare la tuo organizzazione secondo la norma ISO 14001?
 


Pagine a cura di:

Le nostre attività

Principali aree di intervento:


Cerchi un corso?

Richiedi informazioni senza impegno


Vedi anche...

Air-view.it - riprese aeree con droni

Riprese aeree, ispezioni e monitoraggio
con l'uso di SAPR (Sistemi aeromobili a pilotaggio remoto)

www.air-view.it - info@air-view.it

Tutte le notizie