"Iperammortamento" e sicurezza

Beni agevolabili e sicurezza sul lavoro

Come previsto dall’articolo 1, comma 9, della legge n. 232 del 2016, “Al fine di favorire processi di trasformazione tecnologica e digitale secondo il modello «Industria 4.0», per gli investimenti (…) in beni materiali strumentali nuovi compresi nell’elenco di cui all’allegato A annesso alla presente legge, il costo di acquisizione è maggiorato del 150 per cento”.

E’ il noto “Iperammortamento”.

L’agevolazione sostanzialmente si riferisce ad investimenti in beni materiali strumentali nuovi la cui caratteristica peculiare è quella di essere finalizzati alla trasformazione dell’industria in chiave “4.0”: si tratta sostanzialmente di macchine intelligenti, interconnesse.

Alcuni degli interventi agevolabili possono riguardare anche l’interazione uomo-macchina, quindi sostanzialmente dedicate a miglioramenti che interessano l’ambito salute e sicurezza sul lavoro.

Si riporta nel seguito un breve estratto (parziale) del Allegato A alla legge 11 dicembre 2016, n. 232

Dispositivi per l’interazione uomo macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica «4.0»:

  • banchi e postazioni di lavoro dotati di soluzioni ergonomiche in grado di adattarli in maniera automatizzata alle caratteristiche fisiche degli operatori (ad esempio caratteristiche biometriche, età, presenza di disabilità);
  • sistemi per il sollevamento/traslazione di parti pesanti o oggetti esposti ad alte temperature in grado di agevolare in maniera intelligente/robotizzata/interattiva il compito dell’operatore,
  • dispositivi wearable, apparecchiature di comunicazione tra operatore/operatori e sistema produttivo, dispositivi di realtà aumentata e virtual reality;
  • interfacce uomo-macchina (HMI) intelligenti che coadiuvano l’operatore a fini di sicurezza ed efficienza delle operazioni di lavorazione, manutenzione, logistica.

Agenzia Entrate – Super e iper ammortamento